ISSN 1971-9817 (ANNO XIX)

Notizie

 
Testo:
  [Accesso riservato agli abbonati]


TUTTE LE NOTIZIE

 Pagina  di 650   

IL PROPRIETARIO NON PUÒ CHIEDERE L'ACQUISIZIONE SANANTE, AVENDO GIÀ LA TUTELA PETITORIA E POTENDO RENDERSI DISPONIBILE ALLA CESSIONE BONARIA DEL BENE
28/10/2020
Il proprietario di un bene illegittimamente occupato dalla p.a. è titolare del diritto soggettivo alla restituzione dello stesso che non può fondare un'azione avverso il silenzio ex art. 31 e 117 c.p.a. su istanza di acquisizione sanante poiché, in tali casi, la "pretesa" vantata dal privato non mira al conseguimento di un provvedimento amministrat [...]

LA DICHIARAZIONE DI INAMOVIBILITÀ EX ART. 52-QUATER, COMMA 5, DEL TUES NON PRECLUDE LO SPOSTAMENTO DELL’ELETTRODOTTO
28/10/2020
Affermare l'inamovibilità dell'impianto, ai sensi dell'art. 52-quater, comma 5, d.P.R. 327/2001, non preclude la possibilità di procedere ad uno spostamento del tracciato, in una fase successiva e al verificarsi di sopravvenute esigenze. Detta inamovibilità costituisce, infatti, una caratteristica di tutti quegli impianti necessari per soddisfare i [...]

I PROGETTI DI ELETTRODOTTI INTERRATI POSSONO LEGITTIMAMENTE COMPRENDERE ANCHE OPERE DI COLLEGAMENTO VIARIO
28/10/2020
Il progetto di realizzazione di un elettrodotto può comprendere la realizzazione di una stradina di collegamento tra cabine elettriche da realizzare al di sopra del suolo ove sono interrati i cavi: si tratta infatti di opera a servizio dell'infrastruttura, che trova ragionevole giustificazione nell'esigenza di consentire al personale addetto alla g [...]

LA COMPETENZA ALL'ESTERNAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI INSERVIBILITÀ È DEL CONSIGLIO COMUNALE
27/10/2020
L'esternazione della dichiarazione di inservibilità dei fondi agli effetti della retrocessione parziale è di competenza del Consiglio Comunale, quale organo di indirizzo e di controllo politico - amministrativo dell'Ente. [...]

È INVALIDO IL PROGETTO ESECUTIVO NON PRECEDUTO DALL’APPROVAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO
27/10/2020
E' invalido il progetto esecutivo deliberato dall'Amministrazione e, con esso, anche la dichiarazione di pubblica utilità finalizzata all'esproprio in essa contenuta, se il progetto definitivo non risulta approvato (nella specie rinvenendosi soltanto una mera "presa d'atto" della Conferenza di servizi ex art. 252 d.lgs. 152/2006, erroneamente inter [...]

LA DOMANDA RISARCITORIA PER EQUIVALENTE ANTE AP 4-2020 PUÒ ESSERE RIQUALIFICATA
27/10/2020
Non è ammissibile la domanda proposta dal proprietario di un fondo illegittimamente occupato e trasformato dalla p.a. di mero risarcimento del danno per equivalente con rinuncia abdicativa al diritto di proprietà. Tuttavia, la domanda risarcitoria pendente proposta in termini non coincidenti con l'orientamento sopravvenuto dell'Adunanza Plenaria n. [...]

ELETTRODOTTO ABUSIVO: SE SONO TRASCORSI VENT'ANNI DAL PAGAMENTO DELL'INDENNITÀ SI VERIFICA L'USUCAPIONE
27/10/2020
Non può ritenersi illecito permanente l'imposizione di un peso a fronte della corresponsione di un'indennità o in ogni caso, ove anche a voler ritenere tale fatto solo successivo alla realizzazione dell'elettrodotto, esso ben può considerarsi idoneo per l'interversione del possesso a mente dell'art. 1141 comma 2 c.c. e a rendere il possesso lecito [...]

SPETTANO GLI INTERESSI COMPENSATIVI DAL GIORNO DELL'ESPROPRIAZIONE FINO ALLA DATA DEL DEPOSITO DELLA MAGGIOR SOMMA
26/10/2020
Trattandosi l'indennità di esproprio di debito di valuta, qualora, in esito ad opposizione alla stima, venga riconosciuta all'espropriato una maggiore somma a titolo di indennità, l'espropriante deve corrispondere, solo su detta maggiore somma, gli interessi legali, di natura compensativa, dal giorno dell'espropriazione e fino alla data del deposit [...]

AL PROPRIETARIO NON SPETTA IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA SE DOPO SENTENZA FAVOREVOLE NON CHIEDE LA RESTITUZIONE DEI BENI
26/10/2020
Rispetto al danno da mancato godimento dei beni, non va considerato il periodo di tempo in cui il proprietario avrebbe potuto ottenere il godimento dei beni e la loro reintestazione in esecuzione di una sentenza a lui favorevole di annullamento degli atti ablativi, manifestando invece un sostanziale disinteresse a riottenerne - appena resosi possib [...]

IL VINCOLO ARCHEOLOGICO NON È DI OSTACOLO A CONSIDERARE UNA REDDITIVITÀ DEL BENE AD ESSO ASSOGGETTATO DIVERSA DA QUELLA DEL SUO SFRUTTAMENTO AGRICOLO
26/10/2020
Il vincolo archeologico non è di ostacolo alla commercialità del bene o a considerarne una redditività diversa da quella del suo sfruttamento meramente agricolo, sicché, ai fini della determinazione dell'indennità di espropriazione, occorre tenere conto delle ulteriori possibili utilizzazioni del fondo, diverse da quelle edificatorie, avendo presen [...]

SINTETICO COMPARATIVO: È POSSIBILE UTILIZZARE L'ASKING PRIZE AGGIUSTATO CON ABBATTIMENTO APPLICANDO LA NORMA UNI 11612
26/10/2020
È corretto, in assenza di atti di compravendita relativi a immobili in condizioni analoghe nelle vicinanze e non ritenendo utilizzabili atti riguardanti immobili disomogenei, l'applicazione della norma UNI 11612, secondo la quale, in caso di insufficienza, non rilevabilità o inattendibilità di transazioni (effettive, cioè stipulazioni di contratt [...]

UN ACCORDO DI CESSIONE GRATUITA DI AREE IN CAMBIO DI UNA VARIANTE URBANISTICA SI RISOLVE IN UNA MERA DICHIARAZIONE DI INTENTI
23/10/2020
Un accordo tra il proprietario e il comune che preveda la cessione gratuita di aree per la realizzazione di un'opera pubblica subordinata alla condizione sospensiva dell'approvazione di una variante urbanistica contemplante l'attribuzione di maggiore cubatura sulle aree residue, si risolve in una mera dichiarazione d'intenti, non idonea a fondare u [...]

LE LUNGAGGINI DEL PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO NON POSSONO TRAMUTARSI IN UNA SOTTOPOSIZIONE SINE DIE DEL BENE PRIVATO AL POTERE ABLATORIO
23/10/2020
Le lungaggini del procedimento espropriativo, rispetto al quale l'Autorità procedente mantiene indubbiamente una posizione di impulso e iniziativa, non possono tramutarsi in una sottoposizione sine die del bene privato al vincolo derivante dalla procedura ablativa e in una sostanziale elusione della prescrizione normativa del termine finale, posto [...]

IL MERO FATTO DELL’INTERVENUTA REALIZZAZIONE DELL’OPERA PUBBLICA NON ASSURGE A TITOLO DI ACQUISTO DELLA PROPRIETÀ, NEMMENO AI SENSI DELL'ART. 940 C.C.
23/10/2020
In caso di occupazione illegittima di un bene privato da parte della p.a. non può applicarsi l'art. 940 c.c., essendo l'istituto dell'acquisizione della proprietà per specificazione circoscritto alle sole cose mobili, e non potendo darsi - anche in considerazione del principio di tassatività dei modi di acquisto del diritto dominicale - alcuna anal [...]

SOLO DOPO LA SENTENZA CCOST 71/2015 SI È AFFERMATO IL LIMITE DEL GIUDICATO RESTITUTORIO ALL'EMANAZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SANANTE
22/10/2020
Fino a quando con le sentenze n. 71 del 2015 della Corte Costituzionale e n. 2 del 2016 dell'Adunanza Plenaria si è affermato che il ‘giudicato restitutorio' preclude l'emanazione del provvedimento ai sensi dell'art. 42 bis, risultava conforme al quadro normativo e giurisprudenziale all'epoca esistente un'emanazione del provvedimento acquisitivo an [...]

LA DECADENZA DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO NON COMPORTA LA REVIVISCENZA DELLA PRECEDENTE DESTINAZIONE
22/10/2020
Il verificarsi della decadenza del vincolo preordinato all'esproprio non determina alcuna reviviscenza della pregressa destinazione urbanistica. Ne consegue che l'Amministrazione comunale, configurandosi l'area come non urbanisticamente disciplinata, deve esercitare la sua discrezionale potestà urbanistica, attribuendo alla stessa una congrua desti [...]

IL RISARCIMENTO EX ART. 42-BIS COMMA 3 ULTIMA PARTE SPETTA ANCHE IN CASO DI RESTITUZIONE DEL BENE
22/10/2020
Il risarcimento per il protrarsi dell'occupazione sine titulo - dovuto ex art. 42-bis comma 3, ultima parte - deve essere corrisposto anche nel caso in cui l'Amministrazione optasse per la restituzione del bene. [...]

RITARDO NELL'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SANANTE: DENUNCIA DEI RESPONSABILI ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PENALE
21/10/2020
In sede di esercizio dei poteri sostitutivi per l'ottemperanza di sentenza di condanna alla cessazione di un'occupazione illegittima mediante acquisizione sanante o altri rimedi, il Commissario ad acta eventualmente nominato provvederà a denunciare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale penale competente ed alla Procura regionale della C [...]

RECEPIMENTO NEL PRG DEGLI STRUMENTI ATTUATIVI: LA NECESSITÀ DI CONFERMARE LE DOTAZIONI A STANDARD GIUSTIFICA LA REITERAZIONE DEI VINCOLI ESPROPRIATIVI
21/10/2020
Se lo strumento urbanistico generale si limita a recepire "in blocco" la regolamentazione derivante dai piani attuativi pregressi, l'onere motivazionale risulta assolto nella ben percepibile esigenza di assicurare le dotazioni a standard previste dalle pianificazioni di dettaglio che si sono riconosciute come necessarie e compatibili con le nuove l [...]

LE MODESTE OPERE EDILIZIE DI RIQUALIFICAZIONE DEL RELITTO STRADALE NON COSTITUISCONO IRREVERSIBILE TRASFORMAZIONE
21/10/2020
Le opere di asfaltatura del manto stradale, realizzazione di marciapiedi e di aiuole e collocazione di panchine e istallazione dell'illuminazione pubblica non costituiscono irreversibile trasformazione del relitto stradale, giacché sono funzionali a conservarne e migliorarne la funzione e la fruibilità. [...]

 Pagina  di 650