Notizie

 
Testo:
  [Accesso riservato agli abbonati]


LE NOTIZIE DEGLI ULTIMI 20 GIORNI

 Pagina  di 3   

LE AREE SOGGETTE AD OPERE DI VIABILITÀ, STANTE LA RELATIVA PREVISIONE URBANISTICA DI NATURA CONFORMATIVA, SONO DA INDENNIZZARSI COME INEDIFICABILI
22/01/2020
L'indicazione di opere di viabilità nel piano regolatore generale comporta, in via ordinaria, un vincolo di inedificabilità delle parti di territorio interessate, che non concreta un vincolo preordinato ad esproprio, a meno che non si tratti, in via eccezionale, di destinazione assimilabile all'indicazione delle reti stradali all'interno ed a servi [...]

LE POSSIBILITÀ DI UTILIZZAZIONE INTERMEDIE TRA L'AGRICOLA E L'EDIFICATORIA RILEVANO SOLO SE SIANO ASSENTITE CON IL CONSEGUIMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI
22/01/2020
L'attuale sistema indennitario e risarcitorio è fondato sul valore venale del bene, applicabile non soltanto ai suoli edificabili, da ritenersi tali sulla base del criterio dell'edificabilità legale ma anche, alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 181 del 2011, ai suoli inedificabili, assumendo rilievo per tale ultima categoria ai f [...]

L'OCCUPAZIONE PREORDINATA ALL'ESPROPRIO, A DIFFERENZA DEL REGIME PREVIGENTE, PUÒ ESSERE DISPOSTA SOLO IN CASI DETERMINATI
22/01/2020
In base all'art. 22 bis del TUE, l'occupazione può esser disposta in casi determinati (esecuzione di lavori di particolare urgenza, ovvero per la realizzazione degli interventi di cui alla L. 21 dicembre 2001, n. 443, o ancora in ipotesi in cui il numero dei destinatari della procedura espropriativa sia superiore a cinquanta) laddove, nella pregres [...]

IL PIANO ASI INCIDE DIRETTAMENTE SULLE PROPRIETÀ INTERESSATE
21/01/2020
Il piano a.s.i., seppure tipologicamente assimilabile al piano territoriale di coordinamento, incide direttamente sulle proprietà interessate, esponendole al procedimento espropriativo cui è prodromica la dichiarazione di pubblica utilità in essi implicita. La generalità dell'intervento non consente il bilanciamento dell'interesse pubblico, come c [...]

DECRETO DI ESPROPRIO PER UN PIANO DI LOTTIZZAZIONE: INCOMPETENTE LA PROVINCIA
21/01/2020
In Veneto le province esercitano le funzioni relative alle attività di autorità espropriante e di promotore dell'espropriazione di cui al D.P.R. n. 327/2001, riferite all'esecuzione a) di lavori pubblici di competenza regionale; b) di lavori la cui pubblica utilità sia dichiarata dalla Regione. [...]

L'ANNULLAMENTO DELLA PUBBLICA UTILITÀ NON SPIEGA EFFICACIA ERGA OMNES
21/01/2020
La parte che non ha partecipato al giudizio amministrativo non può avvalersi del giudicato relativo all'annullamento di un plano di zona per l'edilizia economica e popolare, al fine di ottenere in sede di giudizio ordinario la cancellazione della trascrizione del decreto di espropriazione e il risarcimento dei danni, in quanto la dichiarazione di p [...]

NESSUNO DEI METODI DI VALUTAZIONE ELABORATI DALLA SCIENZA ESTIMATIVA PUÒ ESSERE CONSIDERATO ASTRATTAMENTE PREVALENTE
21/01/2020
Nell'ambito dell'espropriazione per pubblica utilità, lo scopo della stima consiste nell'individuazione del più attendibile valore di mercato dell'immobile espropriato, che, ai sensi del D.P.R. n. 8 giugno 2001, n. 327, artt. 36 e ss. costituisce il parametro essenziale per la liquidazione dell'indennità, dovendo quest'ultima rappresentare un effet [...]

INDENNITÀ: INUTILIZZABILI I COEFFICIENTI DI RIVALUTAZIONE MONETARIA
20/01/2020
Poichè il mercato immobiliare risente di variabili macroeconomiche diverse dalla fluttuazione della moneta nel tempo, anche se a questa parzialmente legate, e di condizioni microeconomiche dettate dallo sviluppo edilizio di una determinata zona, che sono completamente avulse dal valore della moneta, non è ammissibile l'accertamento del valore del f [...]

ALL'IMPRENDITORE COSTRETTO AD ABBANDONARE L'AREA NON SPETTA UN'INDENNITÀ PER LA DISSOLUZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE
20/01/2020
Sia la L. n. 2359 del 1865, sia quelle successive in materia di espropriazione (L. n. 865 del 1971, e T.U. appr. con D.P.R. n. 327 del 2001) non hanno previsto che all'imprenditore non proprietario, costretto dall'espropriazione ad abbandonare l'area espropriata, spetti un'indennità per il fatto di vedere dissolta l'organizzazione aziendale di cui [...]

SOLO L'AVVENUTO TEMPESTIVO DEPOSITO PRODUCE EFFETTI LIBERATORI PER L'ESPROPRIANTE
20/01/2020
Nel caso in cui in sede giudiziale venga riconosciuto all'espropriato a titolo di indennità espropriativa una somma maggiore rispetto alla stima effettuata in sede amministrativa, l'espropriante deve corrispondere gli interessi legali dal giorno dell'espropriazione e fino alla data del deposito della somma medesima, solo, sulla differenza tra di es [...]

ESPROPRIO PARZIALE: AL VALORE DELLA PARTE ESPROPRIATA SI PUÒ SOMMARE IL DEPREZZAMENTO DELLA PARTE RESIDUA (E NON L'INTERO VALORE DELLA STESSA)
20/01/2020
L'indennità dovuta in caso di esproprio parziale non può essere calcolata attraverso la sommatoria del valore dell'indennità di esproprio con il valore dell'area relitta, potendosi quantificare l'indennità, al più, attraverso la somma del valore venale della parte espropriata e del minor valore della parte residua, vale a dire sommando al valore de [...]

OCCUPAZIONE SINE TITULO: L'AMMINISTRAZIONE DEVE ESERCITARE OBBLIGATORIAMENTE LA SCELTA TRA RESTITUIRE O ACQUISIRE IL BENE
17/01/2020
In caso di occupazione sine titulo, la scelta che l'Amministrazione deve compiere tra adempiere ad un obbligo restitutorio e risarcitorio disciplinato dal diritto civile e l'esercizio di una potestà autoritativa di acquisizione del bene in forza del regime speciale previsto dal diritto amministrativo non è libera, in quanto l'art. 42-bis comma 1 T. [...]

OBBLIGO DI FAR VENIR MENO L'OCCUPAZIONE SINE TITULO: O PROVVEDE L'AMMINISTRAZIONE O IL PREFETTO
17/01/2020
Sussiste l'obbligo dell'amministrazione di far venire meno l'occupazione senza titolo, impregiudicata la discrezionale valutazione in ordine agli interessi in conflitto, a seguito della quale l'amministrazione, ove ritenga di non restituire gli immobili al legittimo proprietario previa riduzione in pristino, dovrà in via alternativa disporre l'acqu [...]

A DIFFERENZA DELLA RETROCESSIONE DA ESPROPRIO LEGITTIMO, LA RESTITUZIONE DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA NON COMPORTA IL RITRASFERIMENTO
17/01/2020
La retrocessione, a cui può farsi luogo sulla scorta della preesistenza di un valido ed efficace decreto di espropriazione per pubblica utilità e della sottesa dichiarazione di pubblica utilità, comporta il ritrasferimento della titolarità dominicale sull'immobile (dapprima legittimamente transitata in capo all'autorità espropriante) in favore dell [...]

ESPROPRI PER AREE DI SVILUPPO INDUSTRIALE: IRRAGIONEVOLE ACCOLLARE ALLE IMPRESE IL DEBITO RISARCITORIO OLTRE A QUELLO INDENNITARIO
16/01/2020
Nell'ambito degli espropri funzionali alla realizzazione di un'area di sviluppo industriale viene addebitata economicamente alle imprese beneficiarie delle aree espropriate, a titolo di concorso e pro quota, la spesa pubblica necessaria per l'acquisizione coattiva di beni di proprietà altrui, secondo la legittima procedura espropriativa per pubblic [...]

ISTANZA DI RETROCESSIONE: L'AMMINISTRAZIONE HA L'OBBLIGO DI CONCLUDERE IL PROCEDIMENTO
16/01/2020
In conseguenza dell'utilizzo soltanto di una parte dei suoli oggetto di dichiarazione di pubblica utilità per la realizzazione di un'opera pubblica o di pubblica utilità, sussiste il potere discrezione dell'autorità che ha disposto l'espropriazione di dichiarare, in assenza di ragioni di pubblico interesse al mantenimento della parte residua, l'ins [...]

VERDE PUBBLICO ATTREZZATO: VINCOLO SOSTANZIALMENTE ESPROPRIATIVO
16/01/2020
La previsione della destinazione a verde attrezzato assume natura di vincolo espropriativo quando non derivi dallo strumento urbanistico generale, ma sia apposta soltanto in sede di piano attuativo, implicando una concreta ed altamente lesiva incisione sull'area di proprietà privata, svuotandola, di fatto, d'ogni contenuto di possibile edificazion [...]

UN MERO ACCORDO SULL'OCCUPAZIONE NON SANA LA MANCANZA DEL VINCOLO
15/01/2020
na mera autorizzazione all'occupazione dei terreni non sana il vizio del decreto di esproprio emesso in assenza del vincolo preordinato all'esproprio. [...]

LA STRADA PUÒ ESSERE REALIZZATA IN FASCIA DI RISPETTO FERROVIARIA O IDRAULICA
15/01/2020
L'infrastruttura viaria non è assimilabile ad un "manufatto" nel senso inteso dall'art. 49 del d.p.r. n. 753 del 1980, ai fini della fascia di rispetto ferroviaria, né è un'opera vietata dall'art. 96 lett. g) r.d. 25.7.1904, n. 523 ai fini del vincolo idraulico (purché non cagioni l'alterazione del regolare deflusso delle acque). [...]

LA DELEGA DEL POTERE ABLATORIO DEVE ESSERE CIRCOSCRITTA CON CHIAREZZA
15/01/2020
L'art. 6 del d.p.r. n. 327/2001 ammette la possibilità per il Comune di delegare il potere ablatorio. Più in particolare, il comma 8 chiarisce che, se l'opera pubblica o di pubblica utilità va realizzata da un concessionario o contraente generale, l'amministrazione titolare può delegare, in tutto o in parte, l'esercizio dei propri poteri espropriat [...]

 Pagina  di 3