ISSN 1971-9817 (ANNO XIX)

Notizie

 
Testo:
  [Accesso riservato agli abbonati]


LE NOTIZIE DEGLI ULTIMI 20 GIORNI

 Pagina  di 3   

LE MAGGIORAZIONI DEL VAM PER ACCETTAZIONE DELL’INDENNITA’ PROVVISORIA SI DEVONO RITENERE IMPLICITAMENTE ABROGATE
21/09/2020
A seguito della sentenza n. 181 del 2011 della Corte costituzionale, la quale ha dichiarato l'incostituzionalità del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, comma 4 (conv. con mod. nella L. 8 agosto 1992, n. 359), in combinato disposto con la L. 22 ottobre 1971, n. 865, art. 15, comma 1, secondo periodo e art. 16, commi 5 e 6 - e comportato, in vi [...]

SE NON CI SONO DIVERSI ACCORDI FRA LE PARTI PUBBLICHE L’INDENNITA’ DI ESPROPRIO E' A CARICO DELL’ENTE CHE ACQUISISCE IL BENE
21/09/2020
Parte del rapporto espropriativo ed obbligato al pagamento dell'indennità verso il proprietario espropriato, e, come tale, legittimato passivo nel giudizio di opposizione alla stima che sia stato da quest'ultimo proposto, è il soggetto espropriante, vale a dire quello a cui favore è pronunciato il decreto di espropriazione, anche nell'ipotesi di co [...]

IN CASO DI ABDICAZIONE NON SI APPLICA IL CRITERIO RISARCITORIO DEL 5% ANNUO DI CUI ALL’ART. 42-BIS TUES
21/09/2020
E' inapplicabile il parametro contemplato dall'art. 42 bis, comma 3, d.P.R. 327/2001 al caso concreto nel quale, a seguito della rinuncia all'azione di rivendica nel corso del giudizio di primo grado, la proprietà del bene occupato è stata trasmessa al Comune, residuando in capo al privato il diritto al risarcimento del danno, anche relativamente a [...]

L'OFFERTA DELL'INDENNITÀ ACCETTATA DAL PRIVATO NON VINCOLA LA P.A. ALLA DEFINIZIONE DELLA PROCEDURA ABLATORIA
21/09/2020
L'offerta di indennità accettata dal privato-espropriando non vincola la P.A. alla definizione della procedura ablatoria. La P.A., infatti, anche dopo l'accettazione dell'indennità offerta, conserva intatto il potere discrezionale di procedere o meno all'acquisizione del bene e di porre nel nulla l'accordo sull'indennità, ove ritenga che l'acquisiz [...]

ALL’ASSERVIMENTO PARZIALE SI APPLICA L’ART. 33 TUES
18/09/2020
L'accostamento in via analogica della disciplina dell'indennizzo espropriativo a quello esito della imposizione di una servitù fa sì che la posta di cui all'art. 33 D.P.R. n. 327 del 2001 trovi applicazione anche rispetto ad un fondo appartenente ad unico proprietario che si trovi svilito nel suo valore anche quanto alla parte non attinta dal provv [...]

SUSSISTONO ECCEZIONI AL PRINCIPIO DEL RIFERIMENTO DELL'INDENNITÀ AL MOMENTO DELLA VICENDA ABLATORIA
18/09/2020
Sussistono eccezioni al principio posto dall'art. 32 D.P.R. n. 327 del 2001, secondo il quale dovrebbe tenersi conto delle caratteristiche del bene all'epoca dell'accordo di cessione o dell'emanazione del decreto di esproprio (cioè dell'atto che produce l'effetto ablatorio). Una prima eccezione, ad esempio, è posta dallo stesso art. 32 D.P.R. n. 3 [...]

ELETTRODOTTO: INDENNIZZABILE IL PREGIUDIZIO COMMERCIALE ARRECATO AL FONDO A SEGUITO DELLA REALIZZAZIONE DI TRALICCI
18/09/2020
Nella quantificazione dell'indennità di asservimento da elettrodotto, occorre tener conto della diminuzione del valore del suolo dovuta al passaggio della linea elettrica, trattandosi di un fattore negativo che può incidere sul prezzo del fondo, che va apprezzato nella sua influenza oggettiva sull'appetibilità commerciale del bene. La regola genera [...]

L'ESTINZIONE DEI DIRITTI DI USO CIVICO È POSSIBILE SOLO LADDOVE ILO LEGISLATORE LO ABBIA AFFERMATO
17/09/2020
Laddove il legislatore ha voluto affermare l'estinzione dei diritti di uso civico lo ha fatto espressamente basti pensare, a solo titolo esemplificativo e con riferimento all'espropriazione per pubblica utilità, alla L. 31 gennaio 1994, n. 97, art. 12, comma 2, che ha previsto che "nei comuni montani i decreti di espropriazione per opere pubbliche [...]

LA PROPOSTA DI VENDITA NON È INDICATIVA DEL VALORE VENALE DEL BENE
17/09/2020
La mera proposta di vendita o offerta del bene non vale ad individuare il prezzo praticato sul mercato e tanto nella constatazione che solo l'incontro delle volontà di offerente ed acquirente indica di quel prezzo la tenuta o la rispondenza al mercato in adesione alle quotazioni attuali del bene. La proposta di vendita può rilevare quale elemento d [...]

L'AZIONE PER LA CONDANNA RESTITUTORIA/RISARCITORIA NON È SOGGETTA A TERMINE DI DECADENZA O PRESCRIZIONE
17/09/2020
L'azione finalizzata alla condanna restitutoria e/o risarcitoria conseguente alla illegittima (rectius: illecita) occupazione dei terreni (senza che l'iter espropriativo si sia concluso con l'emissione del decreto di espropriazione), non è soggetta ad alcun termine di decadenza ovvero di prescrizione, derivando da un illecito di carattere evidentem [...]

SE SUSSISTONO I PRESUPPOSTI, IL DESTINATARIO DELL’ACQUISIZIONE COATTIVA SANANTE HA DIRITTO ALL’INDENNITA’ DA OCCUPAZIONE LEGITTIMA
16/09/2020
L'art. 42 bis fa esclusivo riferimento al ristoro per il periodo di occupazione illegittima dei fondi, mentre non fa riferimento alcuno al periodo di occupazione legittima ed alla relativa indennità, prevista, invece, dalle disposizioni legislative succitate. E' certo, pertanto, che - non contenendo l'art. 42 bis alcuna previsione modificativa o ab [...]

LE OCCUPAZIONI ILLEGITTIME ANTERIORI ALL'ENTRATA IN VIGORE DEL TUES NON SONO COMPUTABILI AI FINI DELL'EVENTUALE USUCAPIONE PUBBLICA
16/09/2020
In astratto una problematica di vaglio in ordine alla usucapibilità di beni appresi mercè l'occupazione dell'area innervata su un procedimento espropriativo non regolarmente conclusosi potrebbe porsi laddove l'Amministrazione abbia posseduto ininterrottamente detto compendio immobiliare per il torno di tempo prescritto dal codice civile individuand [...]

IL PROPRIETARIO DEL FONDO GRAVATO DA VINCOLI DI TUTELA AMBIENTALE NON HA DIRITTO AD ALCUN INDENNIZZO
16/09/2020
I limiti alla proprietà privata giustificati da ragioni di tutela ambientale rientrano nell'ambito dell'attività conformativa, dalla quale non scaturisce alcun diritto a ricevere l'indennizzo da parte dei proprietari dei beni incisi. [...]

IL VINCOLO DI INEDIFICABILITÀ STRADALE O AUTOSTRADALE ASSICURA UNA FASCIA DI RISPETTO UTILIZZABILE PER LAVORI, CANTIERI, DEPOSITO DI MATERIALI
15/09/2020
Il vincolo imposto sulle aree site nella fascia di rispetto stradale o autostradale, che si traduce in un divieto di edificazione che rende le aree medesime legalmente inedificabili, è correlato all'esigenza di assicurare una fascia di rispetto utilizzabile, all'occorrenza, dal concessionario, per l'esecuzione dei lavori, per l'impianto dei cantier [...]

LA REITERAZIONE DI VINCOLI URBANISTICI È LEGITTIMA SOLTANTO SE CORREDATA DA UNA CONGRUA E SPECIFICA MOTIVAZIONE SULLA SUA PERDURANTE ATTUALITÀ
15/09/2020
La reiterazione di vincoli urbanistici può ritenersi legittima soltanto se corredata da una congrua e specifica motivazione sulla perdurante attualità della previsione, comparata con l'interesse dei privati. [...]

LA DICHIARAZIONE DI P.U. EX ART. 13.8 T.U.ES. NON DEVE ESSERE ACCOMPAGNATA DALLA REDAZIONE DEGLI ATTI TECNICI E PROGETTUALI RELATIVI ALL'OPERA
15/09/2020
Nel caso in cui l'acquisizione di una proprietà alla mano pubblica avvenga senza necessità di alcuna trasformazione fisica ai sensi dell'art. 13, comma VIII, del DPR 327/2001, non è necessario che la dichiarazione di pubblica utilità sia accompagnata dalla redazione degli atti tecnici e progettuali relativi all'opera da realizzare. [...]

UN VINCOLO DI ZONA DESTINATA A PARCHEGGIO HA NATURA ESPROPRIATIVA SE LA RELATIVA AREA NON PUÒ ESSERE REALIZZATA O GESTITA DA SOGGETTI PRIVATI
15/09/2020
Non può dubitarsi della natura espropriativa del vincolo in zona destinata a parcheggio, se dall'esame delle norme tecniche di attuazione non è dato evincere alcuna indicazione in ordine alla possibilità che l'area con tale destinazione possa essere realizzata o gestita da soggetti privati. [...]

LA DESTINAZIONE A PARCHI E VERDE ATTREZZATO COMPORTA UN VINCOLO ESPROPRIATIVO SOLO SE LA SUA ATTUAZIONE È AD INIZIATIVA ESCLUSIVAMENTE PUBBLICA
14/09/2020
La destinazione di un'area a "servizi e attrezzature di livello comunale: parchi e verde attrezzato", all'interno di un Piano Particolareggiato, introduce un vincolo di carattere espropriativo sull'area, allorché l'attuazione degli stessi può avvenire soltanto ad iniziativa pubblica. Siffatta destinazione invece non assume connotati espropriativi o [...]

È LEGITTIMA LA REITERAZIONE DEL VINCOLO MOTIVATA CON LA NECESSITA’ DI MIGLIORARE LA CIRCOLAZIONE STRADALE IN ZONA PRODUTTIVA
14/09/2020
La delibera di reiterazione del vincolo espropriativo risulta congruamente motivata in relazione alla determinazione del Comune di realizzare opere di viabilità funzionali a rendere più agevole la circolazione stradale in una zona intensamente edificata ed occupata prevalentemente da insediamenti produttivi per il quale va incrementata la fluidità [...]

IL PROPRIETARIO CHE AUTORIZZA LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI CONTENIMENTO IDRAULICO NON PUO’ CHIEDERE LA RESTITUZIONE DEGLI IMMOBILI OCCUPATI
14/09/2020
Laddove il proprietario abbia autorizzato espressamente (dando atto della preventiva visione del progetto) delle opere di contenimento del rischio idrogeologico realizzate dal Comune su un'area di sua proprietà, beneficiando delle opere (a salvaguardia di altri suoi immobili) nonché dei contributi regionali (sia pure a mezzo delle consequenziali op [...]

 Pagina  di 3