ISSN 1971-9817 (ANNO XIX)

Notizie

 
Testo:
  [Accesso riservato agli abbonati]


LE NOTIZIE DEGLI ULTIMI 20 GIORNI

 Pagina  di 3   

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA NON SI PRESCRIVE
25/09/2020
È da escludersi l'intervenuta prescrizione del diritto al risarcimento del danno per equivalente subito dal privato in esito all'occupazione acquisitiva maturata in favore dell'amministrazione espropriante. [...]

LA VALUTAZIONE INDENNITARIA DEVE ESSERE COMMISURATA AD INDICI MEDI RIFERITI ALL'INTERA ZONA OMOGENEA
25/09/2020
Allorché alla stima delle indennità dovute in conseguenza di esproprio si proceda con metodo analitico-ricostruttivo, la valutazione indennitaria dei fondo espropriato deve essere necessariamente commisurata ad indici medi riferiti all'intera zona omogenea, al lordo dei terreni da destinare a spazi liberi, o comunque non suscettibili di edificazion [...]

IL VINCOLO LENTICOLARE È ESPROPRIATIVO
25/09/2020
Il vincolo di natura lenticolare è di natura espropriativa. [...]

L. 865/71: IL MANCATO RISPETTO DELLA SCANSIONE TEMPORALE DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI PRECLUDE LA DECORRENZA DEL TERMINE PER L'OPPOSIZIONE ALLA STIMA
24/09/2020
Il sistema introdotto dalla L. n. 865 del 1971, fa decorrere per qualunque interessato il termine di trenta giorni per proporre l'opposizione ivi disciplinata all'art. 19 dall'inserzione, nel Foglio degli annunci legali (FAL) della Provincia, dell'avviso di deposito della relazione redatta dalla Commissione provinciale espropri, ed a seguito della [...]

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE USURPATIVA DEV'ESSERE COMMISURATO ALL'INTEGRALE VALORE DI MERCATO DEL SUOLO
24/09/2020
L'occupazione usurpativa come quella appropriativa integra un illecito a carattere permanente, che, inidoneo a comportare l'acquisizione autoritativa alla mano pubblica del bene occupato, dà luogo al risarcimento del danno che dev'essere commisurato all'integrale valore di mercato del suolo, sulla base delle obiettive ed intrinseche caratteristiche [...]

IL DECRETO DI ESPROPRIO TARDIVO NON IMPUGNATO ENTRO I TERMINI DI DECADENZA COSTITUISCE TITOLO DI ACQUISTO VALIDO ED EFFICACE
24/09/2020
Il decreto di esproprio tardivo - perché pronunciato al di là dei termini finali fissati nella dichiarazione di pubblica utilità - non può essere considerato nullo ovvero inesistente per difetto assoluto di attribuzione, con la conseguenza di rendere obbligatoria la sua impugnazione da parte dell'interessato entro i termini di decadenza, perché, in [...]

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA DECORRE DALL'IMMISSIONE IN POSSESSO
23/09/2020
Il risarcimento del danno da mancato godimento del bene va riconosciuto (dies a quo) per tutto il periodo di illecita utilizzazione dello stesso da parte della p.a. a decorrere dalla data di immissione in possesso. Infatti la mancata legittima adozione del decreto di esproprio determina l'inefficacia del decreto di occupazione di urgenza al pari de [...]

VERDE PUBBLICO ATTREZZATO NEL P.U.A. NON CONCRETAMENTE ATTUABILE DAL PRIVATO: VINCOLO ESPROPRIATIVO
23/09/2020
Ha natura espropriativa una destinazione a verde attrezzato apposta in sede di piano urbanistico attuativo e implicante una concreta ed altamente lesiva incisione sull'area, svuotandola, di fatto, d'ogni contenuto di possibile edificazione, e necessitando quindi, per la sua concreta attuazione, dello strumento espropriativo, risultando non ipotizza [...]

REITERAZIONE DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO: LA MOTIVAZIONE DEVE DIMOSTRARE L'ATTUALITÀ DELLA PREVISIONE E L'IMPRATICABILITÀ DI SOLUZIONI ALTERNATIVE
23/09/2020
Per conferire alla valutazione di imposizione di vincoli scaduti ed alla conseguente motivazione un grado di concretezza sufficiente occorre che si proceda secondo uno schema logico "minimo" composto essenzialmente: a) dalla ricognizione del perdurante bisogno di realizzare un certo assetto urbanistico di interesse della collettività e della portat [...]

42-BIS: LA MANCATA INDICAZIONE DEL TERMINE DI TRENTA GIORNI PER IL PAGAMENTO DELL'INDENNITÀ NON VIZIA IL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE
22/09/2020
La normativa di cui all'art. 42-bis tues, nel fissare in maniera precisa e vincolante il contenuto sostanziale del decreto di acquisizione sanante - richiedendo, tra l'altro, che il pagamento delle indennità liquidate al proprietario ablato avvenga entro trenta giorni - integra automaticamente ogni eventuale lacuna sul punto. Resta fermo che l'effe [...]

AI FINI INDENNITARI DEVE TENERSI CONTO DELLE POSSIBILITÀ DI UTILIZZAZIONE INTERMEDIE, SIA PURE CON LE PREVISTE AUTORIZZAZIONI
22/09/2020
L'indennità di espropriazione va determinata in relazione al valore venale distinguendo tra suoli edificabili e non edificabili in ragione del criterio dell'edificabilità legale, escluse le possibilità legali di edificazione qualora lo strumento urbanistico dell'epoca in cui deve compiersi la ricognizione legale abbia concretamente vincolato la zon [...]

LA TRASCRIZIONE DEL DECRETO DI ESPROPRIO ASSOLVE A MERA FUNZIONE PUBBLICITARIA, NON APPLICANDOSI LA REGOLA DI RISOLUZIONE DEI CONFLITTI (ART. 2644 CC)
22/09/2020
Ai fini della opponibilità del provvedimento di esproprio agli eventuali acquirenti di diritti sui medesimi beni espropriati per effetto di un titolo trascritto anteriormente alla trascrizione del decreto di esproprio, non incide la regola di risoluzione dei conflitti di cui all'art. 2644 c.c., stante il principio secondo cui fra gli atti soggetti [...]

CRITERIO SINTETICO COMPARATIVO: DEVONO ESSERE DESCRITTI GLI ELEMENTI DI COMPARAZIONE UTILIZZATI E DOCUMENTATA LA LORO RAPPRESENTATIVITÀ
22/09/2020
Il criterio cd. sintetico-comparativo consiste nell'attribuire al bene da stimare il prezzo di mercato di immobili "omogenei", con riferimento sia agli elementi materiali come la natura, la posizione o la consistenza morfologica, sia alla loro condizione giuridica urbanistica: la conseguenza ineliminabile è che il giudice, per applicare correttamen [...]

LE MAGGIORAZIONI DEL VAM PER ACCETTAZIONE DELL’INDENNITA’ PROVVISORIA SI DEVONO RITENERE IMPLICITAMENTE ABROGATE
21/09/2020
A seguito della sentenza n. 181 del 2011 della Corte costituzionale, la quale ha dichiarato l'incostituzionalità del D.L. 11 luglio 1992, n. 333, art. 5-bis, comma 4 (conv. con mod. nella L. 8 agosto 1992, n. 359), in combinato disposto con la L. 22 ottobre 1971, n. 865, art. 15, comma 1, secondo periodo e art. 16, commi 5 e 6 - e comportato, in vi [...]

SE NON CI SONO DIVERSI ACCORDI FRA LE PARTI PUBBLICHE L’INDENNITA’ DI ESPROPRIO E' A CARICO DELL’ENTE CHE ACQUISISCE IL BENE
21/09/2020
Parte del rapporto espropriativo ed obbligato al pagamento dell'indennità verso il proprietario espropriato, e, come tale, legittimato passivo nel giudizio di opposizione alla stima che sia stato da quest'ultimo proposto, è il soggetto espropriante, vale a dire quello a cui favore è pronunciato il decreto di espropriazione, anche nell'ipotesi di co [...]

IN CASO DI ABDICAZIONE NON SI APPLICA IL CRITERIO RISARCITORIO DEL 5% ANNUO DI CUI ALL’ART. 42-BIS TUES
21/09/2020
E' inapplicabile il parametro contemplato dall'art. 42 bis, comma 3, d.P.R. 327/2001 al caso concreto nel quale, a seguito della rinuncia all'azione di rivendica nel corso del giudizio di primo grado, la proprietà del bene occupato è stata trasmessa al Comune, residuando in capo al privato il diritto al risarcimento del danno, anche relativamente a [...]

L'OFFERTA DELL'INDENNITÀ ACCETTATA DAL PRIVATO NON VINCOLA LA P.A. ALLA DEFINIZIONE DELLA PROCEDURA ABLATORIA
21/09/2020
L'offerta di indennità accettata dal privato-espropriando non vincola la P.A. alla definizione della procedura ablatoria. La P.A., infatti, anche dopo l'accettazione dell'indennità offerta, conserva intatto il potere discrezionale di procedere o meno all'acquisizione del bene e di porre nel nulla l'accordo sull'indennità, ove ritenga che l'acquisiz [...]

ALL’ASSERVIMENTO PARZIALE SI APPLICA L’ART. 33 TUES
18/09/2020
L'accostamento in via analogica della disciplina dell'indennizzo espropriativo a quello esito della imposizione di una servitù fa sì che la posta di cui all'art. 33 D.P.R. n. 327 del 2001 trovi applicazione anche rispetto ad un fondo appartenente ad unico proprietario che si trovi svilito nel suo valore anche quanto alla parte non attinta dal provv [...]

SUSSISTONO ECCEZIONI AL PRINCIPIO DEL RIFERIMENTO DELL'INDENNITÀ AL MOMENTO DELLA VICENDA ABLATORIA
18/09/2020
Sussistono eccezioni al principio posto dall'art. 32 D.P.R. n. 327 del 2001, secondo il quale dovrebbe tenersi conto delle caratteristiche del bene all'epoca dell'accordo di cessione o dell'emanazione del decreto di esproprio (cioè dell'atto che produce l'effetto ablatorio). Una prima eccezione, ad esempio, è posta dallo stesso art. 32 D.P.R. n. 3 [...]

ELETTRODOTTO: INDENNIZZABILE IL PREGIUDIZIO COMMERCIALE ARRECATO AL FONDO A SEGUITO DELLA REALIZZAZIONE DI TRALICCI
18/09/2020
Nella quantificazione dell'indennità di asservimento da elettrodotto, occorre tener conto della diminuzione del valore del suolo dovuta al passaggio della linea elettrica, trattandosi di un fattore negativo che può incidere sul prezzo del fondo, che va apprezzato nella sua influenza oggettiva sull'appetibilità commerciale del bene. La regola genera [...]

 Pagina  di 3