ISSN 1971-9817 (ANNO XIX)

42 BIS E DINTORNI - LA PATOLOGIA NELL'ESPROPRIAZIONE PER P.U.


Occupazioni illegittime ed espropri illegittimi per opere di pubblica utilità

 





Il 18 novembre 2019, a Padova, presso la sede operativa della Provincia nel centro direzionale La Cittadella,  si è tenuta una giornata di studio nell'ambito della patologia dell'espropriazione per pubblica utilità. Grazie alla indubbia preparazione dei relatori, i temi sono stati trattati in  maniera estremamente approfondita, anche attraverso un dibattito instauratosi tra i relatori stessi. 

Si è trattato di un incontro di altissimo livello sul piano scientifico, senza peraltro mai perdere di vista l'obiettivo di fornire indicazioni chiare e concrete agli operatori presenti, che hanno seguito la trattazione dei complessi argomenti con la massima attenzione, manifestandoci il loro apprezzamento per la qualità e utilità delle relazioni.

L'avv. Salvatore Accordino, responsabile del servizio espropri dell'amministrazione provinciale di Catanzaro,  e autore del commento al repertorio «OCCUPAZIONI ED ESPROPRI ILLEGITTIMI PER PUBBLICA UTILITÀ» (Exeo Edizioni, 2019, ISBN 978-88-6907-262-8) ha effettuato un brillante inquadramento generale dell'istituto dell'acquisizione coattiva sanante ex art. 42 bis dpr 327/2001, sviscerandolo comma per comma, con speciale riguardo ai profili procedimentali.

L'avv. Marco Antoniol, del libero foro di Venezia,  autore della monografia «L'ARTICOLO 42-BIS D.P.R. 327/2001» (Exeo Edizioni, 2011, ISBN 978-88-95578-88-0), ha approfondito in modo dettagliatissimo e completo gli aspetti indennitari dell'acquisizione sanante, ivi comprese le singole poste accessorie (maggiorazioni, fittavoli, deprezzamenti, indennità di occupazione), dando conto dei diversi orientamenti giurisprudenziali e illustrando il fondamentale "principio di simmetria" quale faro ermeneutico. L'avv. Antoniol ha concluso la sua relazione lumeggiando gli aspetti processuali.

Il dott. Paolo Loro, direttore di Esproprionline, ha affrontato le alternative  all'acquisizione coattiva sanante nell'ambito delle occupazioni illegittime, teoricamente configurabili o diffuse nella pratica (abdicazione, usucapione, riedizione procedimento espropriativo, accordi transattivi, restitutio in integrum, inerzia, decreti di esproprio tardivi) analizzandone i profili dottrinali e critici alla luce dei precetti del codice civile e dei principali orientamenti giurisprudenziali.


Da sinistra: Avv. Accordino, Dr. Loro, Avv. Antoniol

Il Dr. Loro