Il Consiglio di Stato torna per l'ennesima volta sulla questione della decadenza dei vincoli espropriativi per decorso del quinquennio ex art. 2 della legge 1187/1968, riaffermando il tradizionale orientamento. " />
TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
DEMANIO MARITTIMO - La rivista del demanio e patrimonio
URBIM - edilizia e urbanistica
TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
URBIM - edilizia e urbanistica
La rivista del demanio e patrimonio pubblico
CatastOnline - Aggiornamento e informazione tecnica in materia di catasto
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO XVI
ISSN 1971-9817
   
AVVERTENZE REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI  
Ricerca
Print Page
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
divisione





















     

CDS 1 OTTOBRE 2003 N. 5675 - AREE BIANCHE

Il Consiglio di Stato torna per l'ennesima volta sulla questione della decadenza dei vincoli espropriativi per decorso del quinquennio ex art. 2 della legge 1187/1968, riaffermando il tradizionale orientamento.



 


Il Consiglio di Stato torna per l'ennesima volta sulla questione della decadenza dei vincoli espropriativi per decorso del quinquennio ex art. 2 della legge 1187/1968, riaffermando il tradizionale orientamento inaugurato dall''Adunanza Plenaria 7 del 2.4.1984: decorso il periodo del vincolo  l'area resta depianificata e il Comune è obbligato a ripianificarla; in caso di inerzia è data facoltà al proprietario di promuovere interventi sostitutivi della Regione o di agire in via giurisdizionale; nel frattempo l'area rimane temporaneamente inedificabile applicandosi la disciplina delle aree prive di regolamentazione urbanistica (articolo 4 ultimo comma legge 28.1.1977 n.10, oggi art. 9 DPR 6.6.2001 n. 380). 


 





 


CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sentenza 1 ottobre 2003 n. 5675 - Pres. Elefante, Est. Corradino - Rubino ed altri (Avv. Medina) c. Comune di Bari (Avv.ti Lonero Baldassarra e Farnelli) (annulla T.A.R. Puglia-Bari, sez. II, 21 gennaio 2002, n. 363).


 


F A T T O


 


Con sentenza impugnata il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, sede di Bari, sezione Seconda, ha dichiarato improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse il ricorso proposto dagli appellanti per far dichiarare l’obbligo del comune di Bari ad adottare gli atti di ritipizzazione dei suoli di loro proprietà, previo annullamento dell’atto prot. n. 6690 del 14 marzo 2000 del Direttore della Ripartizione Territorio e Qualità Edilizia e del Direttore del Settore Pianificazione del Territorio. L’Amministrazione comunale, con tale provvedimento, aveva dato riscontro alla diffida, proposta dai sigg.ri Rubino, a procedere alla ritipizzazione, stante la intervenuta decadenza del vincolo espropriativo per decorrenza del termine quinquennale dall’approvazione del P.R.G.. Il giudice di primo grado ha ritenuto che "nelle more del giudizio l’Amministrazione comunale ha compiuto concreti atti di adempimento dell’obbligo del quale i ricorrenti hanno reclamato l’adempimento".


Avverso la predetta decisione proponevano rituale appello i soggetti in epigrafe indicati, assumendo l’erroneità della sentenza.


Si è costituito, per resistere all’appello, il Comune di Bari.


Con memorie depositate in vista dell'udienza le parti hanno insistito nelle proprie conclusioni.


Alla pubblica udienza del 10.6.2003 la causa è stata chiamata e trattenuta per la decisione, come da verbale.


 


D I R I T T O


 


1. L’appello è fondato.


I sigg.ri Rubino lamentano l’erroneità della decisione di primo grado che ha dichiarato l’improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse sulla base della conclusiva considerazione che "il Comune ha avviato, e sta per concludere, l’iter procedimentale volto a rinnovare, con le modalità, le formalità e le garanzie proprie del metodo pianificatorio, la scelta, riservata all’Autorità locale, sulla destinazione degli anzidetti suoli".


Ciò in quanto il T.A.R. ha valutato come decisiva la produzione in giudizio, da parte dell’Amministrazione comunale, della nota del 5 ottobre 2001 con cui la Ripartizione Territorio e Qualità Edilizia, Settore Strumenti Urbanistici, facendo seguito alla comunicazione impugnata dagli odierni appellanti, acquisiti i pareri favorevoli della Commissione aggiunta per l’urbanistica e della competente Circoscrizione, ha trasmesso, per l’approvazione, alla Giunta municipale la proposta di variante al P.R.G. recante la ritipizzazione dei suoli di proprietà dei sigg.ri Rubino.


Il motivo è fondato.


Come affermato da un costante e consolidato orientamento giurisprudenziale, la declaratoria dell’improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse postula un univoco accertamento dell’inutilità della sentenza. Tale verifica, a sua volta, esige che la presupposta, rigorosa indagine circa l’utilità consequenziale per effetto della definizione del ricorso conduca al sicuro convincimento che la modificazione della situazione di fatto o di diritto intervenuta in corso di causa impedisca di riconoscere in capo al ricorrente alcun interesse, anche meramente strumentale o morale alla decisione (cfr. Cons. Stato, sez. IV, sent. n. 3318 del 2003; Cons. Stato, sez. V, 6 febbraio 2003, n. 632; Cons. Stato, sez. IV, 1 agosto 2001, n. 4206). Sulla base di tali rigidi parametri, occorre rilevare che nel caso di specie l’interesse dei sigg.ri Rubino alla decisione del ricorso da parte del T.A.R. era sicuramente sussistente.


In materia di vincoli di inedificabilità, infatti, non essendo stata abrogata, tacitamente, dalla legge 28 gennaio 1977 n. 10, trova applicazione, in tutte le ipotesi di vincoli di piano, la disposizione dell’art. 2, primo comma, della legge 19 novembre 1968 n. 1187, la quale prevede che le indicazioni di Piano Regolatore Generale che assoggettino beni determinati a vincoli preordinati all’espopriazione o che comportino l’inedificabilità assoluta del suolo o, comunque, privino il diritto di proprietà del suo sostanziale valore economico, perdano efficacia qualora entro cinque anni dall’approvazione del P.R.G. non siano stati approvati i relativi piani particolareggiati ovvero non siano stati autorizzati i piani di lottizzazione convenzionati. Ne consegue che, decorso inutilmente il predetto termine, l’area interessata dall’atto impositivo ormai inefficace risulta sprovvista di una regolamentazione urbanistica ed il Comune è obbligato ad una nuova pianificazione dell’area rimasta non normata (cfr. Cons. Stato, Ad. Pl. 2 aprile 1984, n. 7; Cons. Stato, Sez. IV, 22 febbraio 1999, n. 209; Cons. Stato, Sez. IV, 27 dicembre 2001, n. 6415). Nel caso di specie, il Comune di Bari, a seguito della decadenza dei vincoli urbanistici in questione gravanti sugli immobili di proprietà degli odierni appellanti, era quindi tenuto a provvedere all’integrazione del P.R.G., divenuto parzialmente inoperante, potendosi reiterare i vincoli decaduti sia attraverso una variante specifica che una variante generale, unici strumenti che consentono all’amministrazione comunale di verificare la persistente compatibilità delle destinazioni già impresse ad aree situate nelle zone più diverse del territorio comunale rispetto ai principi informatori della vigente disciplina di piano e alle nuove esigenze di pubblico interesse. Da tale obbligo il Comune non è esonerato per l’applicabilità, nei casi in questione, della disciplina dettata dall’art. 4, ultimo comma, della legge 28 gennaio 1977 n. 10, la quale ha natura provvisoria, e non può sostituirsi alla disciplina che la legge affida alle responsabili valutazioni del Comune.


Nell’inerzia dell’Amministrazione comunale, che durava da moltissimi anni, i sigg.ri Rubino hanno proposto atto di diffida per ottenere la ritipizzazione dell’area. In riscontro alla diffida, il Comune si limitava, con l’impugnata nota n. 6690 del 17 marzo 2000, a comunicare che era stato avviato il procedimento mirato allo studio della ritipizzazione e, anche dopo la proposizione del ricorso giurisdizionale, non dimostrava di avere ottemperato alla diffida dei ricorrenti, ma soltanto di avere svolto la fase istruttoria del procedimento, con trasmissione al Consiglio Comunale, per le successive determinazioni, della proposta di variante al P.R.G. per la ritipizzazione dei suoli di proprietà dei sigg.ri Rubino. Al momento della decisione del ricorso giurisdizionale, quindi, l’interesse dei ricorrenti alla pronuncia era senz’altro sussistente, visto che nessun provvedimento espresso, ai sensi dell’art. 2 della legge n. 241/90, era stato adottato dal competente organo comunale in senso satisfattivo dell’istanza dei ricorrenti, cioè con valenza di variante di P.R.G.. Anzi, non può non rilevarsi come tuttora, pur dopo il decorso di oltre un anno dalla pronuncia della sentenza impugnata, il Comune di Bari non abbia ancora provveduto alla ritipizzazione dell’area.


Sulla base delle suesposte considerazioni risulta indubbia la fondatezza della censura con cui gli appellanti deducono la violazione, da parte dell’Amministrazione comunale, della disposizione di cui all’art. 7 l. 1150/42, in relazione all’art. 2 l. 1187/68, nel senso che la disciplina urbanistica del piano regolatore generale deve considerare la totalità del territorio comunale, e quindi anche i suoli rimasti privi di disciplina a seguito di sopravvenuta decadenza dei vincoli posti sugli stessi. Va ribadito, in proposito, che l’Adunanza Plenaria di questo Consiglio 2 aprile 1984 n. 7, si è espressa sostenendo che "poiché i Comuni sono obbligati a dotarsi di uno strumento urbanistico generale che copra l’intero territorio, la situazione di inedificabilità conseguente alla sopravvenuta inefficacia di talune destinazioni di piano è per sua natura provvisoria, essendo destinata a durare fino all’obbligatoria integrazione del piano, divenuto parzialmente inoperante. In caso di inerzia del Comune, il privato che vi abbia interesse può promuovere gli interventi sostitutivi della Regione oppure adire in via giurisdizionale, secondo il procedimento del silenzio-rifiuto".


2. Per quanto considerato, ed assorbito quant’altro, il ricorso in appello va accolto, va annullata la nota dell’Amministrazione comunale n. 6690 del 17 marzo 2000 e va dichiarato l’obbligo, da parte del Comune di Bari, a provvedere alla rideterminazione urbanistica dell’area su cui insistono i beni di proprietà dei sigg.ri Rubino.


3. Sussistono, comunque, giusti motivi per compensare le spese tra le parti.


 


P.Q.M.


 


Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione V) accoglie l’appello in epigrafe, e per l’effetto, accoglie il ricorso di primo grado, annulla l’atto impugnato e dichiara l’obbligo del Comune di Bari a provvedere alla rideterminazione urbanistica dell’area su cui insistono i beni di proprietà degli appellanti.


Compensa le spese di giudizio.


Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'autorità amministrativa.


Così deciso in Roma, palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato, nella camera di consiglio del 10.6.2003, con l'intervento dei sigg.ri


Agostino Elefante presidente


Francesco D’Ottavi consigliere


Claudio Marchitiello consigliere


Aniello Cerreto consigliere


Michele Corradino consigliere estensore


L'ESTENSORE IL PRESIDENTE


F.to Michele Corradino F.to Agostino Elefante


Depositata in segreteria in data 1° ottobre 2003.


 




Vai a : 

D.P.R. 327/2001
1 2 3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 bis 23 24 25 26
27 28 29 30 31 32 33 34 35
36 37 38 39 40 41 42 bis 44
45 46 47 48 49 50 51 52 bis
ter quater quinquies sexies
septies octies nonies 53 54 55
56 57 bis 58 59        

Login Utente
Inserire il vostro Token
Oppure utilizzate le vostre :
Email:
Password:
Ricorda i miei dati
- Registrazione gratuita
- Recupera password
- Problemi di accesso
























 
Coordinatore scientifico e direttore responsabile: PAOLO LORO
Rivista professionale nella materia dell'espropriazione per pubblica utilità
Registro Stampa Tribunale di Padova n° 2067 del 19.2.2007. COPYRIGHT © 2002-2017. Exeo srl - www.exeo.it CF PI RI 03790770287 REA 337549 ROC 15200/2007 DUNS: 339162698 cap. soc. 10.000 i.v. sede legale: piazzetta Modin 12 351129 Padova. PEC: exeo.pec@mail-certa.it. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi. La riproduzione, la comunicazione o messa a disposizione al pubblico, la pubblica diffusione senza l'autorizzazione dell'autore e dell'editore è vietata. Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dagli art. 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter L. 633/1941.
Powered by Next.it